Pasquale de Paoli, u suffragiu Universale

A mio lotta per a libertà

“Da ch’eo sò natu, a Corsica hè sottu à u sucellu di Genuva (in Italia). Ma Genuva, di u mio paese si n’impippa. Sfrutta e so ricchezze è di i Corsi primura ne hà pocu. Da zitellu participeghju, incù babbu à a rivolta chì si mette in ballu contru à i Genuvesi.
In u 1755, aghju 30 anni. Incù i mio amichi, stituimu un Statu Corsu. Mettu in piazza un guvernu è tirgu avanti à cumbatte Genuva.
Ma di maghju di u 1768, i Genuvesi, chì ùn riescenu à piglià ci a suprana, vendenu a Corsica è i Corsi à a Francia.
S’entre allora in guerra contru à Louis XV, rè di Francia, chì vole pussede a Corsica. Ci sò parechje battaglie. Ma i Francesi sò numerosi. In u 1769, a Corsica perde a battaglia di Ponte Novu. Tandu mi tocca à spatrià mi in Inghilterra.
Mi ne morgu in Londra in u 1807.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                   

 

 

Face un caldu chì si crepa in stu mese di lugliu di u 1755, eppuru Pasquale de Paoli ùn ci dà mancu capu. Vene ghjustu d’entre in i so trent’anni ed ecculu pruclamatu generale di a Nazione Corsa.

In quella stonda mintiguneghja... pensa chì a Corsica indipendente, a Corsica liberata da u guvernu genuvese serà un paese d’egualità è di libertà. U primu paese di u Suffragiu Universale.
À i zitelli d’oghje, sta nuzione li vene naturale ma ci vole à sapè chì in u 1755, l’Auropa era guvernata guasi tutta da rè è l’idea di dà u dirittu di votu à tuttu ognunu era simpliciamente revuluziunariu. À a metà di u seculu XVIII, i rè anu tuttu in manu è poca hè a ghjente chì pensa à fà ne finita incù i privilegi.
In tantu, l’hà da fà Pasquale !
Paoli vole chì a Corsica ch’ella sia una demucrazia vera : u so fattu primu serà di mette in ballu un guvernu corsu è di dà li una custituzione. Hè in cuntattu incù Jean-Jacques Rousseau, un filosofu chì campa in Gineva è chì sparte e listesse idee chè ellu nantu l’Egualità è u Suffragiu Universale.
In u preambulu di sta Custituzione, ci scrive chì « u populu di Corsica hè maestru di sè stessu... ch’ellu hà ricunquistu a so libertà... ».

 

Pasquale Paoli è i so amichi approntanu a rivolta contru à l’oppressore genuvese (dissegnu Patrick Berthelot).

 

Si piglianu di paura i rè

I storichi dicenu chì stu passu di a storia hè a prima revuluzione contru à u regime anticu è dunque contru à a munarchia. Più tardi, l’Americani s’insuchjeranu di a Custituzione corsa, i Francesi feranu listessu in u 1789. Parechje cità di i Stati Uniti portanu d’altronde u nome di Pasquale Paoli.
Puru sì altri Stati piglieranu copia nantu à l’opera di Paoli, nisunu anderà cusì luntanu. Nisunu averà u curagiu quant’è ellu di stituisce u Suffragiu Universale è di dà u dirittu di vutà à l’omu di i pupulani.
Allora, in u mentre di i quindeci anni chì a Corsica hè indipendente, tutt’omu di più di 25 anni hà u dirittu di vutà. Pasquale Paoli inventa a demucrazia vera.

 

 

Vutavanu e donne

È e donne ? À u seculu XVIII e donne sò cunsiderate quant’è nunda. Cum’è esseri incapaci è inferiori. In Francia per indettu, a « lege salica » sclude e donne da u pudere puliticu.
In Corsica in tantu, a situazione di e donne hè un’ altra. Di fatti, ogni paese s’amministra da sè stessu. L’omi fatti s’aduniscenu in modu regulare per decide di a manera di splutà e terre di u cumunu o dinù per eleghje l’ufficiali cumunali.
Ùn scumode à nimu di vede e donne participà à e decisioni. Sottu à Pasquale Paoli, e donne in capu d’una famiglia piglianu parte à u Suffragiu Universale. Ci hè un passu da quì à pensà chì e donne eranu e pare di l’omi, ma u so votu hè eccezziunale abbastanza per esse sculunatu.
Tutte st’idee metteranu u tempu à esse accettate in Auropa. In Francia u Suffragiu Universale ùn hè messu in ballu chè da u 1848 (solu per l’omi).
E donne aspetteranu di più per pudè vutà. In America u dirittu di votu li serà cuncessu in u 1920. A Francia serà l’ultimu paese auropeu à accettà di mandà le à l’urne in u 1945.
Dumanda à a to  mammone, forse ùn averà micca avutu sempre a pussibilità di vutà.

 

 

 

Riportu : da Merusaglia à Londra
Nantu à i passi di Pasquale Paoli

 

Stella, Paula è Vincente sò andati à vede induv’ellu hà campatu Pasquale Paoli.

 

In Merusuglia. Pasquale hè natu in stu paese di u centru di a Corsica.

 

In Corti. Pasquale ne fece a capitale di a Corsica. Ci hà apertu un’ università. À l’epica si pensava ch’ellu tuccava à a Chjesa di piglià in manu l’insignamentu. Pasquale pensava ellu chì stu rollu era quellu di u statu. Mette in piazza e borse per i studienti. 

In Ponte Novu. Nantu à stu ponte, e reghje corse si battinu contru à i Francesi è Louis XV. Perdinu a battaglia è a Corsica diventò francese.

 

In Londra. Pasquale ci si spatriò per schisà e reghje di u rè di Francia.

 

Custì Big Ben è i giardini lundunesi chì Pasquale ci spassighjava à spessu.

 

A tomba di Pasquale in Londra.

 

 

Riportu fattu da i sculari di quinta di u cullegiu Giraud di Bastia Incù u centru mediterraniu di u ritrattu.

 

Haut de page